Incentivi per imprese femminili esistenti e nuove 2022


Invitalia, agenzia per lo sviluppo permette dal 5 maggio di fare domanda per contributi statali per imprese femminili, promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Ditte partecipanti:

  • società cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie
  • società di capitali le cui quote e componenti degli organi di amministrazione siano per almeno i due terzi donne
  • imprese individuali con titolare donna
  • lavoratrici autonome

Gli incentivi, compresi tra il 50 e l’80%, sono divisi in base all’anzianità dell’azienda:

Per le imprese con meno di 12 mesi

Gli incentivi sono costituiti da un contributo a fondo perduto a cui si aggiungono servizi di assistenza tecnico gestionale per un valore massimo di € 5.000.

  • per progetti fino a € 100.000 (iva esclusa) l’agevolazione copre fino all’80% delle spese (o fino al 90% per donne disoccupate) e comunque entro un tetto massimo di € 50.000
  • per progetti fino a € 250.000 (iva esclusa) l’agevolazione copre il 50% delle spese, fino a un massimo di € 125.000

Oltre al contributo a fondo perduto è possibile richiedere servizi di assistenza tecnico gestionale per un valore massimo di € 5.000.

Per imprese con oltre 12 mesi

Gli incentivi sono costituiti da un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero da restituire in 8 anni, a cui si aggiungono servizi di assistenza tecnico gestionale per un valore massimo di € 5.000.

per progetti fino a € 400.000 l’agevolazione copre l’80% delle spese, per un massimo di € 320.000 con un mix di contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero

solo per le imprese con oltre 36 mesi di vita il contributo al capitale circolante è concesso interamente a fondo perduto

Le spese riconosciute saranno solo quelle sostenute dopo la data di presentazione della domanda e variano per tipologia.

Tutti i dettagli e le faq sono sul sito di Invitalia.

Photo © Canva.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.