Cosa controllare in cucina prima della riapertura invernale?


La stagione invernale è alle porte e tanti ristoratori si ritrovano all’ultimo a chiamare per emergenze che si possono prevenire, invece che curare. Ecco un piccolo vademecum di 5 cose da fare nella vostra cucina professionale per trovare tutto in ordine alla riapertura!

  1. Fuochi a gas: testare accensione della fiamma pilota, accensione del gas per 10 minuti. La fiamma deve essere di colore azzurro e costante. Altrimenti è bene far intervenire un tecnico per pulire o cambiare l’ugello, il pilota, il magnete o la termocoppia. Sono questi i componenti di consumo che si usurano più spesso.
  2. Produttore di ghiaccio:  non tutti sanno che è possibile sanitizzarlo con l’apposito prodotto. In questo modo si evita la formazione di alghe e si allunga la vita della macchina.
  3. Lavastoviglie: se è entrata impurità nella rete fognaria o se, semplicemente, la macchina è ferma da un po’ sia l’elettrovalvola di carico, sia il pressostato potrebbero essersi riempiti di frammenti di sporcizia. E’ bene darci un occhio e sostituire i filtri o il ricambio completo per non avere sorprese. Fare attenzione anche agli ugelli posti sui bracci (sì, si scrive così se non si indicano quelli umani) di lavaggio superiore o inferiore. Infine, nei tubetti in plastica del pescaggio di brillantante e detergente potrebbero esserci cristalli di prodotti chimici. E’ bene fare una tacca con un pennarello sulla tanica di prodotto e vedere se il consumo è regolare, altrimenti sostituirli.
  4. Fry top o piastre in acciaio dolce: per non trovare la ruggine o per togliere quella che si è formata utilizzare acqua calda, sgrassante e risciacquare abbondantemente. Evitare sbalzi repentini di temperatura caldo-freddo. Applicare olio di vaselina o olio alimentare in abbondanza.
  5. Forno: se ha il boiler, potrebbe essere incrostato di calcare. Oltre a funzionare male il vapore, il forno con il calcare consuma anche di più e la resa è inferiore. Disincrostarlo con apposito prodotto aiuta anche la bolletta. Se il lavaggio è con detergente liquido vale quanto già detto per le lavastoviglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.